READING

L’isola che c’è: come realizzare una c...

L’isola che c’è: come realizzare una cucina social!

Alzi la mano chi non vorrebbe una cucina con isola nella propria casa!

Da molti anni questo modello è entrato nei nostri sogni ma a causa dello spazio limitato spesso ci dobbiamo arrendere ad acquistare cucine lineari e con pochi piani d’appoggio!

Ma non sempre è necessario! Esistono in commercio tante soluzioni versatili che ci permettono di utilizzare l’isola anche in piccole cucine! Cerchiamo insieme di capire come poterle adattare alla nostra casa e soprattutto alle nostre esigenze!

L’isola in cucina: quali sono i vantaggi che ci fanno stare bene!

La persona che desidera avere un’isola sicuramente ha la volontà di avere un contatto visivo con le persone che vivono la propria casa, che siano bambini, familiari o ospiti! Potremmo dire quindi che la cucina con isola è una cucina “social”. 

Se pensiamo alle antiche culture orientali ci rendiamo conto di come questo sia un luogo di grande importanza perché preparare un pasto non deve essere un gesto meccanico, ma piuttosto un atto d’amore verso i nostri ospiti. Mentre cuciniamo noi decidiamo cosa far entrare nel nostro organismo e creiamo un contatto con il mondo esterno. Nello stesso tempo siamo influenzati dalla nostra condizione emotiva e percettiva. Quante cose avete bruciato cucinando in un momento di rabbia?? Io tante!

Bene, la cucina ad isola, ci permette di avere un controllo della stanza e quindi una sensazione di sicurezza, protezione e allo stesso tempo un’apertura verso la casa che potrebbe stuzzicare la nostra creatività! Per gli stessi motivi non è adatta a coloro che vogliono una cucina “rifugio” perché si sentirebbero eccessivamente esposti. Come in ogni scelta che interessa la nostra casa, ricordiamoci che questa è il prolungamento del nostro corpo e per stare bene dobbiamo capire quali sono le nostre vere esigenze!

Vediamo insieme alcuni esempi utili.

Possiamo utilizzare l’isola come piano operativo in cui inserire piano cottura e lavabo. In questo caso dovremmo scegliere una cappa che sia capace di assorbire tutti gli odori sgradevoli e che sia, allo stesso tempo, in armonia con gli elementi di illuminazione! Se scegliamo questa ipotesi possiamo disporre tutto il  resto in una parete attrezzata contenitrice in cui inserire anche gli elettrodomestici per avere una cucina sempre in ordine.

In questo caso la cappa può fungere anche da mensola per ottemperare alla mancanza di pensili

Possiamo invece utilizzare l’isola solo come piano d’appoggio. In questo caso scegliamo una illuminazione di carattere per valorizzare al meglio il nostro spazio di lavoro

Ci sono poi le versioni integrate. Quelle che vedono sull’isola il lavabo, il piano cottura e uno spazio per consumare direttamente un pasto, solitamente ad un’altezza diversa rispetto al piano di lavoro.

carminatiesonzogni

carminati e sonzogni con snaidero

E se proprio non abbiamo spazio possiamo scegliere un’isola con tavola a scomparsa da estrarre solo quando è necessario

Questi alcuni esempi di cucine con isola per noi che non vogliamo rinunciare a rendere questo spazio il centro della casa e un luogo di convivialità! Per questo motivo, in caso di poco spazio, si preferisce renderlo un ambiente unico con la zona giorno. Un luogo in cui poter intrattenere i nostri ospiti mentre prepariamo una cena o un pranzo! Un modo per aprire un lato privato della nostra quotidianità e rendere quindi più accogliente la nostra casa.

Love and Gratitude


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER